Ci metterei la firma

Andrea Camilleri

Sabato, al Critical book&wine a Tradate, ho visto l’anteprima di “Abecedario di Andrea Camilleri”. Un piccolo assaggio di quelle che sono 6 ore di intervista fatta al papà di Montalbano dal regista Eugenio Cappuccio, curata da Valentina Alferj e pubblicata in dvd più libro da quelli di Derive e Approdi.

Non ho ancora letto niente di Andrea Camilleri. So che il momento giusto arriverà. Attendo, e intanto mi lascio affascinare dalla sua narrazione orale.

Sabato ho capito cosa mi incanta così tanto. Oltre all’estrema confidenza con la parola e con il linguaggio tutto, sono i suoi occhi che mi rapiscono. Simili, similissimi, a quelli di un altro signore della scrittura. José Saramago.

Hanno gli occhi dei bambini questi due ottuagenari della parola scritta, della parola e basta. Camilleri, classe 1925. Saramago, classe 1922. Hanno occhi lucidi, veloci, puliti, pungenti. Gli occhi furbi dei bambini. Ed un entusiasmo che lascia storditi.

E mi domandavo, quella luce che hanno negli occhi, cos’è?

José Saramago

E’ l’età che dona quel particolare distacco che paradossalmente si trasforma in ironico entusiasmo o sono sempre stati così ed è quindi solo questione di indole?
Sono solo gli anni che passano e le esperienze che si accumulano o l’aver vissuto con la scrittura e per la scrittura ha influito su un risultato così splendido, su questi due volti, su questi occhi che sembrano ancora cercare, e cercare ancora? Su questi sguardi furbi come solo quelli dei bambini sanno essere?

Saramago e Camilleri incarnano quel concetto astratto che è la saggezza, in cui soddisfatti i desideri, archiviate le illusioni e svelato il mistero resta solo della sana ironia e la voglia di giocare con chi il mistero ancora non lo ha risolto?

Io ho 31 anni e quella luce negli occhi non ce l’ho.

La passione per quello che faccio sì.

Per la parola, per la scrittura, per la letteratura. Ce l’ho. Ma è impastata con la rabbia. Lo so, è così. Non me ne libero che a tratti, sporadicamente. Spesso la controllo, la uso e la trasformo. Ma comunque mi oscura, mi distrae.

In loro l’incazzatura è traslata, presente solo nel momento del bisogno, relegata nel giusto, e utile, spazio che le compete, scavalcata dalla passione, scavalcata da quegli sguardi ironici ed entusiasti, che prendono il sopravvento, comandano il gioco, segnano la direzione.

Ci metterei la firma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...