L’arte della gioia – Goliarda Sapienza

goliarda sapienza

L’arte della gioia è un libro che fa girare la testa, che lo leggi e ad ogni pausa tiri il fiato, frastornata.

L’arte della gioia è un libro che bisogna leggere, ché se non lo fai ti manca un pezzo, perdi qualcosa di importante.

È un torrente di parole che travolge, e ti trascina, e sei dentro al libro come sempre dovrebbe succedere. E sei con i personaggi, tutti, e vorresti conoscerli, parlarci, viverci.

Sei con Modesta.

Modesta che ha fame di Vita, di Parole, di Gioia, di Amore e di Libertà, e non china la testa, mastica i giorni e gli anni senza posa, cerca, trova, scarnifica gli eventi, costruisce per sé e per gli altri quello che la sua mente desidera. Applica la coerenza al pensiero che si fa azione.

Scava Modesta, dentro di sé, dentro gli altri e dentro la Storia. E finisci per scavare anche tu che leggi, negli stessi posti. E di più.

Modesta che si libera, spezzando una catena dopo l’altra, frantumandole alla radice. Modesta, che è nata nel 1900 ed è facile fare il conto dei suoi anni. Modesta che vive al ritmo di una musica nuova, caparbia, futuribile.

Modesta.
[…] Ora poi che le scriveva le parole lì sul bianco della carta, nero su bianco, non le avrebbe perdute più, non le avrebbe dimenticate più. Erano sue, solo sue. Le aveva rubate, rubate a tutti quei libri per bocca di madre Leonora. […]

Modesta.
[…] Impensatamente quell’emozione di odio – che loro dicevano peccato – mi diede una sferzata di gioia così forte che dovetti stringere i pugni e le labbra per non mettermi a cantare e a correre. […]: la odio, la odio, la odio, gridai dopo essermi assicurata che la porta fosse ben chiusa. La corazza di malinconia si staccava a pezzi dal mio corpo, il torace si allargava scosso dall’energia di quel sentimento. […]

Modesta.
[…] Ma fissando me stessa vidi il mio futuro: presa in quel tranello, le gambe spezzate dalla trappola “d’essere qualcuno”. 
Sfuggito il convento, la religiosità buttata dalla finestra rispuntava da qualche buco della mia stanza cavalcando il topo dell’estetica. […] Messaggio del mio profondo di secoli, m’avvertiva di stare in guardia da me stessa e correre al sole. Non avrei più ripreso quella ricerca di poesia finché non avessi avuto la prova da me stessa che era un gioco e solo un gioco […].

Modesta.
[…] Fra venti, trent’anni, non accusate l’uomo quando vi troverete a piangere nei pochi metri di una stanzetta con le mani mangiate dalla varechina. Non è l’uomo che vi ha tradite, ma queste donne ex schiave che hanno volutamente dimenticato la loro schiavitù e, rinnegandovi, si affiancano agli uomini nei veri poteri. […]

Modesta.
[…] E state attenti perché di questo passo quando le donne si accorgeranno di come vuoi uomini di sinistra sorridete con sufficienza paternalistica ai loro discorsi, quando la tua Amalia si accorgerà di non essere ascoltata e di fare due lavori sfinendosi davanti ai fornelli e in laboratorio – perché non mi parli mai del lavoro di Amalia, eh? Perché devo sentire solo quanto è dolce, carina o gelosa? – quando si accorgeranno, la loro vendetta sarà tremenda, […]

E una scrittura che non avevo letto mai. Capace di alternare prima e terza persona come non credevo si potesse fare, giocando con la prospettiva della narrazione, il guardare, il guardarsi, il lasciarsi guardare, entrare e uscire da sé, e di muoversi tra passato presente futuro con una fluidità che da al testo la forza dell’annullamento del qui e ora dando vita ad una narrazione elastica e totale che abbraccia il ricordo, il momento presente e il futuro possibile. Una scrittura libera, anarchica, che l’autrice è stata capace di seguire senza scivolare, senza smarririsi lavorando sul materiale narrarivo e sulla struttura che lo contiene, la sola e unica possibile per racchiudere la marea montante di personaggi, pensieri ed eventi, senza mai perdere di vista la narrazione.

Un capolavoro.

L’arte della gioia
Goliarda Sapienza
Einaudi
p. 492 (e-book) 

Annunci

4 pensieri su “L’arte della gioia – Goliarda Sapienza

  1. Beh, Mia, dalla narrazione che hai postato devo dire che ti è proprio piaciuto questo libro, ne parli con una grande enfasi, con un grande fervore…
    E’ bello leggerti…
    A presto… :-)

  2. Carissima,

    sì, mi è piaciuto veramente tanto… trovo che sia davvero un libro splendido, pieno di tante cose, scritto in modo tecnicamente molto coraggioso, o istintivo… che poi forse sono la stessa cosa.

    A presto,

    M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...