mai come adesso

Ilaria è morta oggi pomeriggio al centro grandi ustionati di Roma. Damiano Verna, l’uomo che evidentemente aveva una sua idea di relazione, le ha dato fuoco in ascensore. C’era anche lui in ascensore, è morto ieri. Pare fosse geloso. Pare.

Maddalena e Barbara sono morte stanotte. Franco Pons, marito di Maddalena e padre di Barbara, le ha uccise. A martellate. Poi, per essere sicuro, le ha accoltellate. Poi, non so, immagino dopo essersi dato una ripulita, s’è presentato dai carabinieri e ha confessato. Una lite, pare.

Ho passato gli ultimi due anni con le braccia immerse fino ai gomiti nel sangue di altre donne morte. Massacrate, stuprate, picchiate, accoltellate, strozzate, soffocate. Ho passato gli ultimi due anni con ogni fibra del mio corpo tesa nella scrittura di un testo che potesse essere tassello che si unisce agli altri tasselli, un testo che fosse una voce che si unisce alle altre voci. Un testo che potesse accendere una luce. Un testo che fosse rabbia detonata al centro del silenzio.

Io scrivo, questo faccio. Io mastico, ingoio, digerisco e rigurgito parole. Se lo faccio bene o male non lo so. Ma lo faccio.

E non mi è mai sembrato così stupido come adesso.

E mai come in questo momento quel testo a cui ho dedicato me, il mio cuore, il mio stomaco, il mio cervello, le mie lacrime e la mia forza, la mia incazzatura m’è parso tanto inutile.

C’è una domanda che in questi due anni mi sono fatta e che altri mi hanno fatto.

“Cosa si può fare per fermare questa strage? Cosa si può fare per interrompere questo elenco di nomi, questa conta macabra di corpi?

Mi sono data e ho dato molte risposte.

Mai come adesso mi son suonate tutte, tutte, così prive di senso.

Ho letto, guardato, ascoltato, chiesto.

Mai come adesso m’è sembrato tutto così vago.

C’è una guerra in corso.
Impariamo a difenderci.

Annunci

5 pensieri su “mai come adesso

  1. quella della donna bruciata in ascensore me la sono persa..
    a scuola dovrebbero aggiungere una materia: pubbliche relazioni, intese come relazionarsi con gli altri. Sono “amori” (ma per me non sono amori queste scene assurde) malati che la gente non sa vivere…
    muoiono troppe donne… troppe..

  2. portare nelle scuole un modo “nuovo” di percepire l’altro, l’altra, era una delle molte risposte che ho dato e che mi sono data. e nonostante lo scoramento di questi giorni ancora penso che sia una cosa necessaria … una delle molte

    grazie del passaggio da queste parti :-)

    p.s. ti sono stati utili i titoli dei racconti della woolf?

        • non fa nulla ;)

          posso chiederti una cosa sempre sulla Woolf?
          esistono anche le lettere che ha scritto nella sua vita se nn ricordo male.. sn suddivise in 4 periodi mi pare.. tu ne sai qualcosa? non si trovano facilmente notizie e nelle librerie, ahahha, ridiamoci su, non sono d’aiuto.. se trovo un paio di libri della woolf son già fortunata.. :(

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...