La brigata del Tarlo Ippopotamo

gli illustratori del Tarlo

Claudia Canavesi
Nasce a Busto Arsizio nel 1976. Nel 2000 si laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, dal 2003 è docente di Discipline Plastiche ed Educazione Visiva.
“La luce e lo spazio nell’arte tradizionale contemporanea” del 2008, e “In ogni dove. scultura-disegni-installazioni del 2010, sono solo due delle personali che mette in mostra dal 2002.
Per realizzare le sue illustrazioni ha usato penna, grafite e pastelli bianco e nero su cartoncini colorati.
Potete sbirciare le sue opere sul sito www.claudiacanavesi.it

Margherita G.
Nasce a bla bla bla nel bla, poi bla bla bla. Bla bla bla e comunque bla bla bla.
Bla bla bla, ma anche bla, bla e bla.
Attualmente bla bla bla bla, ma anche bla bla bla.
Naturalmente bla bla bla e bla bla bla.
Per realizzare la sua illustrazione ha usato china, lapis e acquarelli.

Izm
Nasce nel 1973 a Milano, un passato da fumettista e illustratore, ha collaborato con svariate realtà editoriali tra cui Il Manifesto, Mondadori, Cuore, De Agostini, Rizzoli, ecc.
Per realizzare la sua illustrazione ha usato Brushes per iPad.

Mirko Olivieri
Nasce ai 3/4 di secolo scorso a Firenze, dove attualmente vive e imbratta tele appassionatamente. Fin da bambino ha sempre amato il disegno e da subito si avvicina alla pittura ad olio. Parole sue: “Il disegno e la pittura sono, in pratica, la mia prima forma espressiva”
Per realizzare le sue illustrazioni ha fatto i disegni di base a china, i fondali con smalti acrilici, poi ha digitalizzato il tutto assemblando e rifinendo.
Trovate le sue opere su www.mirkoolivieri.it

Edi Sanna
Scultrice, nasce a Milano nel 1966. Sul suo sito si legge: “Con una radice nel figurativo e una propensione all’astratto, con l’attenzione alla sezione aurea e al ritmo e la necessità dell’istintivo, con il piacere del segno e del particolare e la consapevolezza dell’immenso universo.” E non ci pare necessario aggiungere altro.
Per realizzare le sue illustrazioni ha usato china, pantoni, pennarelli, matite colorate, lucido da scarpe e pastelli a cera.
Potete assaporare le sue opere sul sito www.edisanna.net

Annunci

Berlino, un viaggio e qualche impressione

È passato più di un mese dal mio piccolo viaggio a Berlino. Eppure, ancora adesso, ogni tanto qualcosa riaffiora.
Ed ho in mente le immense strade e le distanze fuori misura. La mia misura, ça va sans dire.

Karl-Marx-Allee - maggio 2011 - foto Mia

La sensazione, forte ma non immediata, di trovarsi in un luogo carico di cose, di ritrovarsi a passeggiare in una città che, in un certo senso, ha solo poco più di vent’anni. Una città che si cerca, che cerca di trovarsi. Una città in continuo mutamento. Una città in cui il presente e il passato cercano un modo equilibrato di convivere.

dove vado? - maggio 2011 - foto xnoise

Una città con un senso artistico estremamente sviluppato, dalle piccole alle grandi cose. Una città piena di piccole e grandi macchie di colore. Che passeggi, e ogni tanto ti fermi, perché la macchia di colore ha preso il sopravvento. E nella macchia di colore, la sensazione di possibilità. Di eventualità.

vai a spasso e trovi un fiore - maggio 2011 - foto Mia

Ripenso al muro. Che nemmeno volevo andare a vedere, non so dire neanche bene perché. Che poi, quando lo vedi, e ci cammini accanto, nel bel mezzo di un ennesimo passo per quelle distanze chilometriche pensi. Pensi che l’uomo è folle.

il folle muro - maggio 2011 - foto xnoise

Un altro passo e pensi. Che l’uomo è così folle che ripete le sue follie, all’infinito. Ancora e ancora.

ancora muri (palestina) - foto via frafilm.blog.kataweb.it

E mi viene spesso in mente l’uso dello spazio pubblico. I parchi, i giardini per i bambini, gli orti collettivi.
Ho avuto l’impressione, da viaggiatrice occasionale passata da lì per soli cinque giorni, quindi, insomma, magari mi sbaglio, che a Berlino si vive il fuori, e lo si vive insieme.

berlino - maggio 2011 - foto Mia

facciamoci l'orto - maggio 2011 - foto xnoise

prima le bancherelle, poi lo svacco - maggio 2011 - foto xnoise

E poi, anzi no. E sopratutto,

passeggiando per Kreuzberg (dettaglio) - maggio 2011 - foto xnoise